Un grande futuro alle spalle - Domenico Bartolucci e la scuola romana #625294

(Ancora nessuna recensione) Scrivi una recensione
9,99€
Il secolo scorso è stato certamente un periodo di enormi cambiamenti sociali, culturali ed artistici. Questi cambiamenti si sono riflessi anche nel campo linguistico ed estetico in tutti gli ambiti pensabili dell’orizzonte culturale. Io credo che alcuni musicisti abbiano fatto un poco le spese, in termini di popolarità che forse gli sarebbe stata dovuta, in modo molto più sensibile per via dei dibattiti, spesso violenti, che riguardavano le scelte linguistiche da essi compiute. Scelte linguistiche che erano in contrasto con ciò che il politically correct imponeva se volevi avere affibbiato da “coloro che contano” nel tuo campo il titolo di artista al passo con i tempi e quindi degno di considerazione. Purtroppo questa etichetta a molti fa comodo e garantisce carriere, alcune fulgide, altre miserrime, ma comunque non pochi cercano approvazione per sentirsi importanti. Non molti sono coraggiosi e vanno contro corrente.
Uno di questi penso sia stato Domenico Bartolucci (1917-2013), che per molti anni fu Maestro Direttore della Cappella Musicale Pontificia detta “Sistina”. Egli sempre volle inserirsi nella gloriosa tradizione della Scuola Romana della musica sacra, a cui volle sempre ispirarsi.  Quindi questo scontro con la modernità del nostro è stato certamente frutto di una sua intransigenza nel proseguire sulla strada su cui altri avevano già tanto bene seminato, la strada della tradizione, ma anche il frutto di una intransigenza degli alfieri della modernità che non accettando che ci siano diversi modi di approdare all’avvenire, servendosi di moduli linguistici che non sarebbero compresi nel panorama da loro accettato della modernità (ma poi, chi lo dice?), si rendono protagonisti di ostracismi senza appello. Non vogliono comprendere che non c’è una lingua dell’avvenire ma ci sono lingue dell’avvenire, diverse e talvolta inconciliabili, se adottiamo un criterio meramente unidirezionale. Allora, per poter comprendere veramente dove stiamo andando, forse varrà la pena ripensare da dove veniamo, cioè quali sono questi dati della Tradizione che dovremmo forse riconsiderare e non darli per persi o non più rilevanti. Per fare questo voglio portare la mia testimonianza sul Maestro, riportare ciò che ci insegnava durante le sue lezioni al Pontificio Istituto di Musica Sacra o durante le sue prove con il coro della Cappella Sistina. O anche attraverso le tantissime conversazioni personali che ho avuto con lui nel corso degli anni, fino alla sua morte nel 2013. Poco prima di questa data fatale, il Maestro mi concesse un’intervista in cui spaziammo sulla sua vita ed opera, e questa intervista è alla fine di questo libro. Viene qui pubblicata per la prima volta.
 
Aggiunta al carrello in corso… L'articolo è stato aggiunto

Con l'acquisto di libri digitali il download è immediato: non ci sono costi di spedizione

Altre informazioni:

Formato:
ebook
Editore:
Chorabooks
Anno di pubblicazione:
2022
Dimensione:
2.11 MB
Protezione:
nessuna
Lingua:
Italiano
Autori:
Aurelio Porfiri