E chiamavano me assassino - Stanley Ketchel, il più grande dei selvaggi del ring. E altre storie #728

(Ancora nessuna recensione) Scrivi una recensione
6,49€
Stanley Ketchel non sapeva né il suo cognome d'arte (con una o due elle?) né chi fosse il suo vero padre. La boxe gli ha dato più di una certezza: è stato campione del mondo dei medi; è stato soprannominato l’«Assassino»; ha sfiorato il titolo dei massimi. Per alcuni è stato addirittura il miglior peso medio di tutti i tempi. La vita, oltre alle incertezze, gli ha buttato in faccia anche molte delusioni, troppi dolori, una morte violenta a soli 24 anni. Stanley è riuscito a non essere fortunato anche dopo la morte. Per l’eredità suo fratello ha ucciso il suo presunto padre.

Questo libro racconta dunque una storia di violenza, e di sofferenza estrema. Come lo sono spesso quelle di chi sale sul ring per conquistare una dignità che la vita quotidiana non è in grado di assicurare. Stanley è uno dei tanti pugili che hanno pagato tutto. Non era un assassino, ma neanche un buono, non è stato né vittima né colpevole. E solo la boxe ha saputo farlo esprimere.

Dai tempi di Ketchel a oggi il pugilato è molto migliorato: i match non sono infiniti, le regole sono precise, non è più consentito a un atleta di battersi contro un altro che lo sovrasta nel peso. Si è insomma «umanizzato». La vita di tutti i giorni, invece, per i tipi come Stanley è rimasta spietata.

[di Sergio Rizzo, vice-direttore del Corriere dello Sport-Stadio]
Aggiunta al carrello in corso… L'articolo è stato aggiunto

Con l'acquisto di libri digitali il download è immediato: non ci sono costi di spedizione

Altre informazioni:

ISBN:
9788897057017
Formato:
ebook
Editore:
Absolutely Free
Anno di pubblicazione:
2010
Dimensione:
1.03 MB
Protezione:
watermark
Lingua:
Italiano
Autori:
Dario Torromeo